lunedì 11 gennaio 2010

Ci vediamo a Palermo lunedì 11 gennaio ?


Care e cari in indirizzo,
tra quanti abbiamo responsabilità educative (in quanto genitori, insegnanti, operatori sociali, animatori di gruppi, pastori di chiese…) non mancano coloro che vorrebbero una Sicilia - e un’Europa - liberate dalle mafie. Purtroppo, spesso, questo lodevole sentimento di rivolta non è supportato da adeguate conoscenze, competenze ed abilità. Per questo le sezioni palermitane di “Libera - Scuola” e del CIDI (Centro iniziativa democratica degli insegnanti) hanno avviato un appuntamento quindicinale di riflessione pedagogica, aggiornamento sociologico e scambio di esperienze didattiche.Le riunioni sono aperte e la partecipazione è gratuita: unica condizione (per evitare la… chiacchierologia) è che, di volta in volta, si siano lette le pagine del testo che ci si sono auto-assegnate al termine della riunione precedente. Il prossimo appuntamento è fissato per le ore 17,00 (in punto) di lunedì 11 gennaio 2010 presso “La bottega dei saperi e dei sapori della legalità” a piazza Castelnuovo. Oggetto di riflessione critica saranno le pagine 21 - 73 del volume, di Augusto Cavadi , Strappare una generazione alla mafia. Lineamenti di pedagogia alternativa, Di Girolamo editore, Trapani 2005, pp. 191, euro 15 (in vendita presso tutte le librerie, ma anche nella stessa “Bottega” di piazza Castelnuovo).
La riunione avrà termine alle 18,20 per consentire l’inizio di un recital sulla stessa tematica: Armando Caccamo e Margot Pucci leggeranno, infatti, con l’accompagnamento musicale di Umberto Leone il “pizzino della legalità” L’amore è cieco, ma la mafia ci vede benissimo edito dall’editore Coppola, Trapani 2009. A conclusione degustazione di vini gentilmente offerti dall’azienda “Cosìè”.

I promotori del laboratorio permanente
di educazione alla legalità democratica

Quanti desiderino essere informati ogni volta sulla data delle riunioni e su altre iniziative possono scrivere a Silvana Puglisi (silvanapu@libero.it)

Nessun commento:

Posta un commento