martedì 23 novembre 2010

Lettera di un reduce del ‘68 ai nipotini del 2010


Dal quotidiano online I love Sicilia (oggi 23 novembre 2010).
Qui di seguito il mio testo: se andate al link:
(http://www.livesicilia.it/2010/11/23/lettera-dal-68-alla-peggio-gioventu) trovate una cosa poco piacevole (il titolo del redazionale del ‘pezzo’ che pare fatto apposta per imbufalire i miei interlocutori diretti…) e dei commenti interessanti (sia di chi mi approva sia di chi, specie nascosto dall’anonimato, mi attacca con una certa durezza).
E’ lecito, a un reduce del ’68, dire due paroline ai nipotini del 2010? Ne ho già udite e lette alcune da miei coetanei. Da coetanei che aderiscono entusiasti a queste ennesime okkupazioni (“Meno male che siete voi a difendere la democrazia!”) o che, malinconicamente, esprimono comprensione (“Sarebbe da malati non essere estremisti alla vostra età, come lo sarebbe esserlo alla nostra”). Vorrei dirne qualcuna di dissenso, se possibile.
Comincio dall’aspetto meno importante: l’opportunità di manifestare contro un governo moribondo. Che volete che se ne freghi di voi una maggioranza allo sbando e in procinto di dissolversi alla prima verifica parlamentare?
Ma lasciamo questo aspetto secondario e opinabile. Ammesso che sia il momento più propizio, pensate davvero che l’arma dell’occupazione (o l’equivalente funzionale: dall’astensione parziale all’autogestione permanente) sia efficace allo scopo che tutti - anche gli anziani ‘non pentiti’ come me – ci proponiamo? Sono più di quaranta anni (dal ‘68, in cui ero attivamente studente al “Garibaldi”) che si ripetono proteste e occupazioni e il risultato oggettivo, visibile, tangibile è una scuola peggiore (Berlinguer, De Mauro, Moratti, Gelmini) in una società peggiore (istituzioni e mentalità comune colonizzate dal berlusconismo). Vorrà dire qualcosa? La rivoluzione - più o meno graduale, più o meno silenziosa, più o meno violenta - la voglio non MENO, ma PIU’ di voi: per questo ritengo assurdo giocare con caricature, scimmiottamenti, che non fanno a nessun governo (tanto meno a un governo sull’orlo dello scioglimento) neppure il solletico! Volete la rivoluzione? Iscrivetevi a un partito politico, a un sindacato, a un’associazione antimafia, a un movimento ambientalista, a un centro studi pacifista. Volete la rivoluzione? Convincete il 75% degli italiani (cioè dei vostri coetanei, dei vostri genitori, dei vostri docenti) a uscire dalla palude (del voto al centro-destra per il 45% e dell’astensionismo per il 30%) in cui si sono immersi. Volete la rivoluzione? Rispettate la legalità democratica: pagate il biglietto sull’autobus, mettete il casco, non comprate droghe dalle mafie, invitate i genitori a pagare le tasse e a mettere in regola i collaboratori domestici immigrati. Volete la rivoluzione? Seguite ogni tanto una trasmissione televisiva seria, leggete qualche libro di sociologia o di politica, andate al cinema a vedere qualche film impegnato civilmente. Volete la rivoluzione? Non chiedete raccomandazioni per niente e a nessuno, diventate talmente prestigiosi nel vostro lavoro da poter raggiungere posti di leader per scombussolare le regole attuali del clientelismo, del favoritismo, dell’opportunismo, del carrierismo a spese dei più deboli.
Voi mi direte che fare questo - e tanto altro che si potrebbe aggiungere e che alcuni come me abbiamo cercato di fare da quando abbiamo memoria - sia troppo faticoso, troppo controcorrente: e avreste ragione. “Tutti vogliono fare la rivoluzione, pochissimi vogliono preparasi a esserne degni”. Ma chi di voi non se la sente, eviti di fare il rivoluzionario a prezzi bassi. Eviterà di deludere chi come me spera in voi e, soprattutto, di deludere voi stessi: perché questo difficilmente, passata la furia della protesta, ve lo perdonerete.
Augusto Cavadi

Nessun commento:

Posta un commento