mercoledì 16 novembre 2011

Il coraggio della morte.


“La Cittadella” Maggio-Giugno 2010

L’invito - che ho lanciato nel primo numero di questo periodico - di farci “una bella ragionata” è stato accolto da più di un lettore. Puntata dopo puntata, spero che riusciremo a toccare tutti gli argomenti su cui qualcuno di voi vorrà attrarre l’attenzione. Cominciamo oggi con un tema davvero cruciale per noi tutti, sollevato da Serena Zaffuto (Palermo): “La morte è un argomento su cui nessuno può parlare con certezza perché nessuno sa realmente che cosa lo aspetti al termine della sua vita: e così nascono tutte le congetture, le teorie, addirittura le religioni. Insomma, è qualcosa che in tutti noi, da sempre, costituisce un punto interrogativo che allo stesso tempo ci affascina e spaventa, perché l’uomo ha timore di ciò che non conosce. Socrate, secondo me, ha dimostrato la sua saggezza quando, al processo, ha sostenuto: << Una di queste due cose è il morire: o è come un non essere più nulla; o è proprio, come dicono alcuni, una specie di mutamento e di migrazione dell’anima da questo luogo quaggiù a un altro luogo. E se è assenza di percezione come un sonno, quando dormendo non si vede niente, neanche un sogno, allora la morte sarebbe un meraviglioso guadagno.[…] Se d'altra parte la morte è un emigrare da qui a un altro luogo, ed è vero quel che si dice, che dunque tutti i morti sono là, o giudici, che bene ci può essere più grande di questo?>> Egli non ha paura della morte, di abbracciare qualcosa a lui sconosciuto: è pronto a scoprire cosa c’è dopo la fine della vita. La sua scelta non è unica nella storia dell’umanità: tutt’oggi gli uomini mettono a repentaglio, e a volte sacrificano la vita, in vista di un bene maggiore, la giustizia. Quanti uomini e donne abbiamo visto, per esempio, esporsi e lottare pubblicamente contro la mafia? La loro morte è stata sempre significativa, perché ha costituito un punto di svolta nella nostra società e ci sta permettendo, lentamente, di sconfiggere questa organizzazione criminale. In un film che ho visto un personaggio diceva :<< Non devi temere la morte, devi temere una vita non vissuta. Non è necessario vivere per sempre, basta solamente vivere>> “.
Serena evoca il tema della morte collegandosi a un grande filosofo greco (Socrate) e lo fa con accenti molto personali: riterrei che qualsiasi commento da parte mia potrebbe togliere, non certo aggiungere, lucidità. Posso solo osservare che, se è attuale la testimonianza etica di Socrate, ciò dipende dal fatto che anche il suo bivio teorico è rimasto intatto. Anche per noi del XXI secolo la morte o è annichilimento (e dunque non può costituire la porta di accesso a nessun inferno) o è transito ad un nuovo modo di esistere (Parnaso, Paradiso, Resurrezione, Metempsicosi…). In entrambi i casi, solo chi ha usato male la vita - per fare male e senza fare bene ad altri - ha ragione di temere l’Al-di-là. Chi, pur fra errori e imperfezioni, ha cercato di vivere autenticamente non può che andare incontro alla morte con occhio curioso e cuore sereno.

Nessun commento:

Posta un commento