sabato 10 marzo 2012

Ci vediamo oggi, anzi “da” oggi... a Capaci?


BREVE CORSO PER ANALFABETI (DELLA POLITICA)

La democrazia non è un sistema di governo perfetto. Come è noto, il suo pregio migliore è che le alternative sinora sperimenatte sono peggiori. Come fruire dei vantaggi di un regime democratico senza subirne le conseguenze negative? La risposta non è semplice, è la somma di molti segmenti. Ma una cosa è certa: la democrazia funziona se chi vota è libero. Se si vota sotto la minaccia di un datore di lavoro che può licenziarti o sotto il ricatto di un mafioso o sotto l’ipnosi di una propaganda a reti unificate…non si è liberi: il risultato, alla fine, sarà un parlamento senza dignità e un governo fuori controllo. Ma a vanificare la democrazia non sono solo nemici ‘esterni’ a noi, in carne e ossa: spesso il virus che ci stordisce è dentro di noi. Si chiama pigrizia, ignoranza, menefreghismo. E’ la malattia tipica del qualunquista che prima non si impegna né a candidarsi né a scegliere i candidati giusti (o, per lo meno, i meno peggiori) e, poi, a cose fatte, si lamenta perché va tutto a catafascio.
Per chiunque - giovane o meno giovane – volesse qualche strumento di prima alfabetizzazione per orientarsi in politica, la nostra rivista (in collaborazione con l’associazione Helios e con la Scuola di formazione etico-politica “G. Falcone” di Palermo) proverà ad offrire una serie di incontri seminariali. Non conferenze unilaterali, ma luoghi di scambio, di riflessione e di confronto sull’abc delle pratiche politiche. Il piano di lavoro è talmente elementare che costituisce una piattaforma preliminare a qualsiasi ulteriore scelta partitica: dunque chi si iscrive può essere sicuro che nessuno cercherà di agganciarlo a questo o a quell’altro schieramento. L’obiettivo degli organizzatori non è di raccogliere consensi elettorali per la destra, il centro o la sinistra: più modestamente, o forse più ambiziosamente, è che - al termine del corso – chi voterà a destra, a centro o a sinistra sappia perché lo ha fatto. E chi non voterà, abbia la consapevolezza che anche l’astensione è un modo di condizionare gli esiti elettorali.

Il corso inizia oggi con una tavola rotonda alle 16,30 e proseguirà secondo il calendario pubblicato sul blog: http://www.scuolafalcone.it/

Nessun commento:

Posta un commento