lunedì 26 marzo 2012

Cos’è davvero l’ebraismo?


“Repubblica – Palermo”
11.3.2012

Dante Lattes

APOLOGIA DELL’EBRAISMO
La Zisa
Pagine 106
euro 9,90

“Catanesi cani ed ebrei!”: la scritta, per anni campeggiante su diversi muri della Palermo bene, sintetizza efficacemente il livello culturale di certi strati della tifoseria palermitana. A questo genere di ‘sportivi’ bisognerebbe spiegare, sia pur con scarsissime probabilità di riuscirvi, che ai cani non scappano mai simili scivoloni. Quanto agli ebrei, poi, che si tratta di uno dei popoli di più fertile creatività dell’unica grande razza umana. Per cominciare a capirne qualcosa - liberando la mente dai veli che la politica dei governi israeliani moltiplica fastidiosamente – si può partire da un opuscolo di Dante Lattes, Apologia dell’ebraismo, edito nel 1923 e meritoriamente ripubblicato . L’autore (noto come scrittore e rabbino) focalizza quattro temi centrali della sua confessione religiosa: Dio (non di un popolo, ma di tutti gli uomini, anzi di tutto il cosmo); i profeti (per i quali la conversione autentica è “la giustizia e l’amore in luogo della prepotenza e dell’avidità”); il Messia (concepito non come un uomo che è già venuto una volta, ma come il continuo avvento di Dio nella storia umana); il fariseismo (diventato sinonimo di ipocrisia e di legalismo, ma solo perché si è voluto assolutizzare una caricatura della corrente farisaica e dimenticare la sua fisionomia autentica di fedeli rispettosi del Volere divino).

Augusto Cavadi

Nessun commento:

Posta un commento