lunedì 3 dicembre 2012

Bene comune e Mezzogiorno d’Italia


“Repubblica – Palermo”
Domenica 2 dicembre 2012

Sergio Bastianel (ed.)

EDUCARE AL BENE COMUNE
Il pozzo di Giacobbe
Pagine 134
euro 18

Educare al bene comune (sottotitolo: Una sfida per il Mezzogiorno) raccoglie, a cura di Sergio Bastianel, uno dei più noti moralisti italiani, gli Atti di un convegno svoltosi presso la Facoltà teologica dell’Italia Meridionale. Convegno a cui hanno partecipato, accanto a teologi come Donatella Abignente, esperti di varie discipline: dal sociologo urbano Fabio Corbiserio al giurista Pierpaolo Forte, dal filosofo Giuseppe Cantillo al sociologo del diritto Lucio D’Alessandro. L’intento comune è riscoprire, nel bel mezzo dell’orgia individualistica e privatistica, la categoria del “bene comune”: una categoria antica che, tematizzata per la prima volta da Aristotele, è passata per l’articolo 3 della Costituzione italiana arrivando anche ai documenti del Concilio ecumenico Vaticano II (dall’apertura del quale ricorre il cinquantesimo anno). Quando intellettuali cattolici e “laici” ricentrano l’attenzione su questo insieme di condizioni sociali che favoriscono la fioritura di ogni singolo soggetto, operano certamente un’azione benemerita: ma – ricordava Blaise Pascal nel XVII secolo – non basta fissare le “buone massime”. Si tratta, poi, di “metterle in pratica”. Forse, in tante riflessioni sul ruolo della Chiesa cattolica e dell’Università nel Mezzogiorno, qualche parola in più di autocritica non sarebbe risultata superflua.

Augusto Cavadi

Nessun commento:

Posta un commento