giovedì 24 settembre 2015

LA SERRACCHIANI E IL RUOLO DEL PRESIDENTE DEL SENATO


Come sanno i lettori del mio blog intervengo esclusivamente su questioni in cui altri, più qualificati ed esperti, non fanno sentire la propria opinione (o se, comunque, si tratta di un'opinione poco nota). Sugli errori di Renzi e della sua squadra leggiamo ogni giorno e dappertutto. Ma non vorrei che l'ennesimo scivolone sui ruoli istituzionali passasse troppo presto dalla labile memoria degli elettori.   Per questo ospito volentieri un pezzo in cui mi ritrovo per la sostanza e per la forma.
Augusto Cavadi
www.augustocavadi.com

Da Avanti! online
 
Per favore, Debora…
 
di Mauro Del Bue
 
Debora Serracchiani ha rilasciato una dichiarazione, in realtà non nuova, ma sulla quale é esplosa in ritardo la polemica, con la quale invita testualmente il presidente del Senato Grasso, eletto dal Pd, a uniformarsi alle decisioni della direzione del Pd. Abbiamo letto e riletto e proprio questo era scritto. La frase virgolettata e riportata da un’intervista a Rainews è la seguente: «Io rispetto molto il presidente Grasso. Credo sia un presidente di garanzia, ma credo anche che, essendo stato eletto nel Pd, debba accettarne le indicazioni». C’è da stropicciarsi gli occhi. Il presidente della seconda istituzione dello Stato, almeno ora, il presidente della Repubblica vicario, deve non già interpretare correttamente le norme costituzionali sulle procedure del voto, ma accettare le indicazioni del partito che lo ha eletto.
    Neppure tanto dei gruppi parlamentari che lo hanno eletto presidente, ma solo quelle del partito che lo ha eletto, sia pur da indipendente, senatore. È evidente che questo non solo stona maledettamente con la norma dello svolgimento dell’incarico senza vincolo di mandato e questo riguarda tutti i parlamentari, ma configge con le funzioni del presidente del Senato che, da un lato, deve interpretare le norme e dall’altro rispondere al solo Senato. Ricordo una presidente della Camera, una grande presidente come Nilde Iotti, che era talmente gelosa della sua autonomia che spesso, anche senza ragione, si schierava contro il suo gruppo e le opinioni espresse anche sul regolamento dai suoi compagni. Mai ebbe rimprovero alcuno per non avere rispettato le decisioni del suo partito.
    Oltre che irriguardosa nei confronti del presidente del Senato, la dichiarazione della Serrachiani è anche ridicola oggi, visto che sono proprio i semplici senatori del Pd a pretendere sulla materia della revisione costituzionale libertà di voto. Libertà che invece dovrebbe essere negata al presidente del Senato sulla interpretazione dell’articolo 138 della Costituzione. Le parole in libertà possono scappare. Resta il fatto che la brava Debora almeno dovrebbe precisare se non smentire, perché smentire ciò che viene detto in tivù è molto complicato. Non lasci l’impressione che la sua è una forza politica che si sovrappone alle istituzioni. Nemmeno il vecchio Pci, nel fulcro del suo centralismo democratico, aveva mai ostentato questa volontà. Deborah, mia Deborah, ascoltami…

Nessun commento:

Posta un commento