domenica 6 marzo 2016

TRA IL CASTELLO A MARE E IL PARCO DELLO ZINGARO: FILOSOFIA PER NON...FILOSOFI


“CENTONOVE”
3.3.2016

MARE, DUNQUE SONO

     Come in ogni epoca di crisi delle narrazioni mitico-teologiche e dei modelli politico-istituzionali anche nella nostra riemerge la domanda di filosofia. L’uomo della strada, sospettoso di troppe guide pronte a dirgli cosa deve pensare e come deve agire, avverte l’esigenza di tornare alle proprie risorse intellettuali; di tornare a ragionare con la propria testa. Ci sono molti modi di frustrare questa richiesta di filosofia: soprattutto rispondendovi in maniera o tecnicamente accademica o banalmente divulgativa. Intendo riferirmi, da una parte, ai  convegni specialistici che – indispensabili ai professionisti del filosofare – lasciano perfettamente indifferenti i cittadini; dall’altra, alle varie iniziative editoriali o spettacolari in cui la benemerita intenzione di spezzare il pane del pensiero talora si traduce in offerte deludenti.
    Nel tentativo di azzeccare una via media fra le due modalità la Scuola di formazione etico-politica “Giovanni Falcone” di Palermo, in sinergia con il gruppo editoriale “Di Girolamo” di Trapani e con la Fattoria sociale “Sara e Martina”, organizza per il terzo anno consecutivo il “Festival della filosofia-in-pratica d’a-Mare” nella città di Castellammare del Golfo (e nei suoi splendidi dintorni come Scopello e il Parco naturale dello Zingaro), dal tramonto di venerdì 29 aprile alla mattina di lunedì 2 maggio. La dizione “Festival” rimanda a una manifestazione in cui si offrono varie opportunità in modo che ognuno possa scegliere di fruirne liberamente, secondo le proprie esigenze e i propri gusti; ma, ancor più, evoca l’atmosfera della festa. Perché, almeno ogni tanto, bisogna pur ricordarselo: ci sono piaceri, godimenti, che possiamo sperimentare solo attivando l’intelligenza. Quando la filosofia è esclusivamente fatica, noia, malinconia…non è più se stessa: la valenza ironica, almeno da Socrate in poi,  le appartiene costitutivamente .
      Ma in quale accezione è qui adottata la filosofia?  Senza sottovalutarne altre dimensioni, in questo Festival essa è privilegiata sulla scia della Philosophische Praxis di Gerd Achenbach. A ciò si allude con la formula italiana “filosofia-in-pratica”: un filosofare in cui chiunque intervenga è invitato a mettersi in gioco esistenzialmente (nella pratica effettiva di ogni giorno, lontano dalle dichiarazioni di principio tanto più solenni quanto più astratte) e a rapportarsi politicamente (dunque non con ristrette minoranze di professionisti del ragionamento, ma con tutti i concittadini della polis). La riuscita di eventi come questo si lascia misurare, dunque, da parametri  diversi dal solito: i filosofi di mestiere, oltre a parlare in maniera comprensibile, sono riusciti a far esprimere  con autenticità i partecipanti ai laboratori? E in tutti  - filosofi per professione e filosofi per passione -  quali trasformazioni interiori sono avvenute? E – a Festival concluso – quali decisioni operative sono state effettivamente adottate in rapporto ai propri stili di vita, alle proprie relazioni sociali, alle sfide della storia contemporanea, alle emergenze ambientali?
      Così praticata, la filosofia è molto più che un’evasione di lusso. Per riprendere Pierre Hadot  - che ne ha studiato le differenti concretizzazioni nel mondo greco e romano prima del cristianesimo – si tratta della filosofia come “esercizio spirituale”: laico, a-confessionale, mondano, ma “spirituale”.  La filosofia come riserva di energie, intellettuali ed etiche, per rimettere sui binari un’umanità che scivola  - più o meno irriflessivamente – verso il baratro. Altro che  passatempo per salottieri in cerca di nuove mode…

     Augusto Cavadi

FESTIVAL DELLA “FILOSOFIA-IN-PRATICA D’A-MARE”
L’associazione di volontariato culturale
“Scuola di formazione etico-politica G. Falcone” di Palermo
in cooperazione con il gruppo editoriale “Di Girolamo”di Trapani
e con “La fattoria sociale” di Castellammare del Golfo
organizza la
TERZA EDIZIONE DI  “UNA FILOSOFIA-IN-PRATICA  D’A – MARE”
Castellammare del Golfo (Trapani)     2016
(venerdì 29 – sabato 30  aprile – domenica 1 maggio – lunedì 2)
Venerdì 29 aprile
ore 15 – 16: accoglienza nell’ Hotel  “Punta Nord-Est”
ore 17 – 18: passeggiata filosofica con Augusto Cavadi
Dalle 18 in poi: tempo libero per esplorare la città e cenare
Sabato 30 aprile
ore 8 – 9,30:      colazione coi filosofi nell’Hotel “Punta Nord-Est”
ore 9,30 – 12:   laboratori di “con-filosofia”
a)    Chiara Zanella e Serge Latouche : “Cos’è  vita spirituale per un laico?”
b)     Marta Mancini e Diego Fusaro: “Il lavoro è necessario alla vita:
è anche sufficiente?”
c)     Augusto Cavadi e Orlando Franceschelli: “La sofferenza ha un senso?”
Dalle 12 alle 17: tempo libero anche per il pranzo
 ore 17 – 19,30: Al Castello: “Che significa, oggi, essere ‘a sinistra’ ?”
 Dibattito fra Diego Fusaro e Orlando Franceschelli. Introduce e modera Augusto
Cavadi
Domenica 1 maggio
ore 9,30 : Trasferimento dall’Hotel “Punta Nord-Est” all’ingresso del Parco naturale dello Zingaro (Scopello)
ore 1O – 17: Passeggiata ecologica libera (con pranzo a sacco autogestito e possibilità di fare il bagno in una delle meravigliose calette)
ore 17 -  18 : trasferimento dal Parco naturale dello Zingaro (San Vito Lo Capo) a Castellammare del Golfo
ore 19 - 21: Castello di Castellammare –Incontro dibattito con
                        Serge Latouche sul tema: “Immigrazione: che fare ?” .
 Introduce Chiara Zanella e modera Marta Mancini.
Lunedì 2 maggio:
ore 8 – 9,30: colazione coi filosofi  nell’Hotel “Punta Nord-Est”
ore 9,30 – 12: laboratori di “con-filosofia”
a) Chiara Zanella e Serge Latouche: “La felicità è solo un sogno irrealizzabile?”
b)    Marta Mancini e Diego Fusaro: “Maschio o femmina: tertium non datur ?”
c)    Augusto Cavadi e Orlando Franceschelli: “La politica dei politici delude. E allora?”
NOTE TECNICHE
* La partecipazione al Festival  prevede un’iscrizione di euro 10,00 (dieci) una tantum per i quattro giorni a persona. La quota può essere versata direttamente a mano alla segreteria di accoglienza.
* Per prenotare compilare, entro il 15 aprile,  il modulo predisposto contattando la segreteria di accoglienza (e-mail eziogalante@hotmail.it    o  cellulare 328.3369985). 
* Chi desidera prenotare pernottamento-colazione e/o pranzo e/o cena presso la struttura convenzionata deve prendere contatti direttamente con l’Hotel “Punta Nord-Est” (www.puntanordest.com) o per telefono (0924/30511)  o per e-mail (info@puntanordest.com).
La convenzione con questo Hotel prevede:
Camera e colazione (in camera doppia, a persona): Euro 34,00
Supplemento singola: Euro 16,00
Supplemento pasto: Euro 18,00 bevande escluse /euro 25,00 bevande incluse presso ristorante convenzionato
Tassa di soggiorno:  Euro 0,75 a notte,  a persona. Sono esenti i bambini fino a 12 anni.
Servizi offerti: bar, internet point gratuito, wi-fi gratuito, parcheggio libero antistante l'hotel, garage a pagamento, noleggio bici, pool bar, piscina, accesso diretto al mare.


Nessun commento:

Posta un commento