sabato 22 ottobre 2016

RICCARDO MANGONI E MARIA D'ASARO SULL' "ETICA" DI AUGUSTO CAVADI

Etica. Un calice prezioso sulla tavola della vita: lo abbiamo tutti in dotazione, ma affinché la nostra etica possa elevarsi a coppa-premio, va riempito con distillati d'introspezione ed elisir di coscienza della migliore qualità. Cosa ho detto? Forse niente... «Ci sono parole talmente inflazionate da non significare più niente di preciso. Etica è una di queste. Cosa intendiamo davvero quando la usiamo?»
Parafrasando il titolo del film di Woody Allen, tutto quello che avreste voluto sapere sull'etica (ma non avete mai osato chiedere) potete trovarlo nell'esauriente testo "Etica. Idee semplici per orientarsi" di Augusto Cavadi (Aracne, Roma 2016, euro 7). Se anche lo leggeste "a cervello spento", ne otterreste un rinfrescante beneficio; è incredibile l'efficacia di questo libricino nel mettere in ordine quanto già abbiamo imparato, o intuito, sull'argomento. Una convenienza capace di riattivare anche i neuroni più assopiti, per poi adescarli in un irresistibile "inganno": giunti quasi all'ultima pagina, ci accorgiamo infatti che l'etica era solo un pretesto, un chiavistello per scardinare sovrastrutture e lasciar evadere di soppiatto la nostra migliore condizione umana. QUI una recensione più approfondita, by Maria D'Asaro.

1 commento:

  1. Mauro Matteucci - Pistoia23 ottobre 2016 19:41

    Carissimo Augusto,

    non ho avuto ancora "il piacere" di leggere il tuo libro sull'etica, ma devo dire che in base alle recensioni riportate, sono completamente d'accordo su come imposti e sviluppi il ragionamento su questo tema spesso considerato desueto, se non noioso. Vorrei aggiungere due considerazioni, che peraltro sono coerenti con il tuo discorso: la prima riguarda la parabola della liturgia di oggi, cioè quella del pubblicano e del fariseo, che mi sembra la critica più dura a chi intende l'etica in senso religioso. L'altra considerazione consiste invece, in un modo laico d'impostare l'etica, spogliandosi di ogni ruolo che presuppone potere, cioè di genitore, di insegnante, di politico ... per rapportarsi all'altro sul livello della comune umanità, che ci abbraccia tutti. Con amicizia

    Mauro

    RispondiElimina