domenica 20 novembre 2016

LA TENEREZZA DIVINA SECONDO HANNA WOLF

E' con particolare gioia che vi informo dell'uscita nelle librerie (fisiche e online) del mio libriccino Tenerezza. Hanna Wolff e la rivoluzione (incompresa) di Gesù, Diogene Multimedia, Bologna 2016, pp. 94, euro 5,00.
Nella quarta di copertina ho scritto soltanto: "Gesù di Nazareth ha contestato il Dio-patriarca della tradizione per annunziare, con linguaggio non solo verbale, la Tenerezza incondizionata. Ma i cristiani lo hanno presto dimenticato e Hanna Wolff ha provato a ricordarlo".
Perché l'ho scritto? Perché ci terrei tanto che lo leggeste? Lo spiego nelle prime pagine del libretto: 
Una maestra  troppo poco nota

    Quel poco che ha capito della vita  ognuno di noi lo deve a una miriade di persone. Alcune conosciute direttamente, molte altre attraverso i libri. Anche nel mio caso è lunghissima  la lista di quanti mi hanno aperto gli occhi, consentendomi di penetrare la nebbia del conformismo intellettuale e del tradizionalismo comportamentale: della maggior parte non ho neppure memoria precisa.  Tra quelli di cui ricordo i nomi, alcuni sono così grandi e così celebri che nessuna attestazione di gratitudine potrebbe accrescerne la fama; alcuni altri, invece, pur essendo noti a un pubblico internazionale, non hanno raggiunto – se non erro – tutti i lettori che avrebbero bisogno della loro luce. Tra questi fari nella notte del nostro tempo considero senz’altro la psicologa e teologa Hanna Wolff ( 1910 – 2001 ). Ed è con l’intento di riuscire utile agli uomini e alle donne che non ne hanno mai sentito parlare, né letto una sua pagina, che mi sono deciso a sintetizzare, in questo libretto, le sue idee principali. Se, grazie a esso,  anche poche centinaia di persone  - una piccolissima percentuale di quante potrebbero trarre luce e alimento dalla pensatrice tedesca – dovessero venire a conoscerla, e forse anche a desiderare di attingere direttamente ai suoi testi, la mia piacevole fatica avrebbe raggiunto il suo scopo principale.

   Ma quali persone ho in mente ? Trattandosi di una donna teologa e psicoterapeuta certamente penso ai teologi e agli psicoterapeuti. E poiché nei suoi testi ella spazia dalla storia alla filosofia, dalla sociologia alla medicina, dall’antropologia culturale alla pedagogia (senza contare che i suoi primi titoli accademici riguardavano il diritto e le scienze politiche), ovviamente penso ai cultori di tutte queste discipline. Ma a una condizione: che si tratti di studiosi non intrappolati nella propria specializzazione professionale. Che non cerchino un titolo in più da aggiungere all’elenco dei libri letti. Che non abbiano cancellato la propria identità originaria di  esseri umani alla ricerca della verità – qualsiasi cosa essi intendano per ‘verità’. Hanna Wolff mi ha conquistato perché dai suoi scritti mi è arrivato, chiaro e forte, il segnale che – prima di tutto e fondamentalmente -  ci fosse una persona umana che si rivolgeva a persone umane.  E che la percezione di  questo segnale non sia stata una percezione del tutto soggettiva è confermato dai miei tanti amici che l’hanno apprezzata pur non essendo specialisti in nessuna disciplina umanistica; anzi in nessuna disciplina. Uomini e donne di media istruzione, ma davvero desiderosi di vedere con spietata lucidità per vivere con maggiore autenticità, hanno confidato la medesima impressione: di ascoltare una voce che, senza nessuno scopo propagandistico o utilitaristico (anzi, rischiando l’impopolarità di chi osa sfidare autorità vetuste e gregarismi dogmatici),  partiva dal cuore di una donna per raggiungere il cuore dei lettori (almeno se, per ‘cuore’, intendiamo non la nostra mera emotività sentimentale ma il centro vitale di ciascuno di noi da dove solo successivamente si diramano passioni, intuitività, capacità analitica e discorsiva, volontà deliberante….). Hanna Wolff ha messo, radicalmente, in discussione tutto ciò che sin da ragazza aveva recepito, interiorizzato, creduto, pensato, proclamato: e solo chi di noi è davvero disposto a fare altrettanto - mettendosi in gioco senza riserve mentali né attaccamenti spasmodici, per quanto comprensibili, ai totem della propria formazione – può accostarvisi con frutto. Chi è già sicuro di tutto (come capita a gente che crede di credere), persino dei propri dubbi e delle proprie negazioni (come capita a gente che crede di non credere), non farebbe che perdere tempo (pp. 9 - 12).


3 commenti:

  1. Mauro Matteucci - Pistoia22 novembre 2016 00:00

    Ciao Augusto,

    non ho avuto la fortuna di conoscere Hanna Wolf, ma vorrei ricordare quella di tante persone oscure -perlopiù donne - la cui tenerezza mi ha confortato in momenti difficili dell' esistenza. Non hanno scritto libri, non hanno avuto premi, ma avevano la straordinaria virtù di "piegarsi" verso l'altro che soffriva. La loro dote consisteva nel cogliere l'umanità, nell' "abbracciarla". Se ne sono andate/i in silenzio, nessuno li ha mai esaltati, ma credo che rimarranno per sempre nei nostri cuori gonfi di gratitudine. Grazie di aver affrontato un tema così importante.

    Mauro

    RispondiElimina
  2. Sarà un libretto prezioso ... Vorrò leggerlo presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ne sono convinto: dev'essere un libretto illuminante. Tanto più che mi consentirebbe di apprezzare il bel personaggio della Wolf, la pensatrice tedesca, che purtroppo sconosco. Non si ha mai il senso della propria angusta nicchia di approssimazioni cognitive, foderata spesso di colpevole ignoranza, finché una persona di profondo spessore umano e morale l'amico Augusto Cavadi ce ne rivela l'enormità, senza tuttavia, farcene un biasimo,anzi vorre dire (appropriandomi del titolo del volumetto) con la viva tenerezza che distingue l'autentico Maestro.
      Per il mio malinconico Natale mi farò questo dono.
      Grazie, Augusto: un abbraccio augurale di ogni bene!
      Gino Adamo





      Elimina