lunedì 11 dicembre 2017

LAICITA' DELLA SCUOLA STATALE: UN SEGNALE DA PALERMO




"www.nientedipersonale.com"
3.12.2017

POICHE' DIO, SE ESISTE, NON E' CATTOLICO (E NEPPURE MUSULMANO O BUDDHISTA)...

La decisione del dirigente scolastico del “Ragusa Moleti” di Palermo di far rispettare le norme vigenti sul divieto di realizzare, in aule scolastiche e in ore di lezioni, momenti di preghiera o di culto di qualsiasi confessione religiosa ha suscitato aspre polemiche. Che ogni tanto ci si confronti, anche duramente, su questioni che non siano le partite di calcio o i protagonisti dell’Isola dei famosi, è di per sé una notizia confortante. Ancora meglio sarebbe se i termini della diatriba fossero quelli veri, corretti. In casi analoghi, infatti, si inventa una contrapposizione fra cattolici (o in genere credenti) e atei (o per lo meno agnostici): dando per scontato, ovviamente, che i primi debbano essere a favore delle manifestazioni religiose in spazi pubblici statali e i secondi contrari. Ma non è così.
Ci sono infatti insegnanti o genitori - personalmente estranei a qualsiasi dimensione di fede - che ritengono le pratiche religiose degli utilissimi strumenti di controllo delle scelte e dei comportamenti di alunni e figliuoli: “Signora mia, se salta pure quel poco di religione che rimane, dove andremo a finire con sesso e droga?”. Di contro ci sono insegnanti e genitori così convintamente credenti da non avere bisogno di esibirlo a ogni piè sospinto, tanto meno di farlo a costo di imbarazzare eventuali alunni di altro credo o di nessun credo.
Insomma, la differenza è tra chi è laico nell’animo (e come tale delicatamente rispettoso della ricerca esistenziale dei compagni di viaggio, anche e soprattutto se più giovani) e chi è bigotto (e come tale brandisce le proprie convinzioni, di qualsiasi segno e di qualsiasi colore, come una clava per azzerare dubbi e obiezioni).
E’ dunque da filosofo e da insegnante che mi auguro una composizione civile di vicende simili, ma anche da teologo: Dio, se esiste, non è cattolico. Egli ha mille volti, proprio perché non ne ha nessuno. Le varie sapienze tradizionali sono altrettante vie che avvicinano al Mistero primo e ultimo dell’universo: solo il dialogo e l’integrazione reciproca potranno portare l’umanità oltre la fase primitiva delle gelosie e della concorrenza.


                                                                                  www.augustocavadi.com


http://www.nientedipersonale.com/2017/12/03/dio-esiste-non-cattolico-egli-mille-volti-perche-non-ne-nessuno/

2 commenti:

  1. Trovo sul sito dell' UAAR un intervento che trovo consonante, al 90%, con le mie opinioni. Il testo completo su: blog.uaar.it

    Una scuola non è un santuario, ma la ministra Fedeli non lo sa
    C’era una volta una scuola che, anziché una scuola, sembrava un santuario. Statue di Cristo e della Madonna, foto dei papi, preghiere prima delle lezioni e prima di mangiare. Non era una scuola privata cattolica: era una scuola pubblica di Palermo.
    Quella scuola non c’è più. Perché una volta che la notizia è diventata di pubblico dominio il preside, entrato in carica a settembre, ha capito che il “si è sempre fatto così” non poteva continuare a essere seguito da un “e così sarà sempre, nei secoli dei secoli”.
    Ha fatto togliere le statue, ha fatto togliere le foto, ha disposto che le preghiere non avessero più luogo. Ha fatto quello che dovrebbe fare ogni preside di ogni scuola pubblica di uno Stato laico. In una situazione del genere, dovrebbe meritarsi un plauso dalle istituzioni scolastiche. Invece no.
    La ministra Valeria Fedeli, anziché complimentarsi con il preside Niccolò La Rocca, l’ha pubblicamente rimproverato.(...).
    E l’ha rimproverato nonostante il preside abbia applicato la legge. Che evidentemente la ministra non conosce, perché ha fatto riferimento a una circolare riguardante i crocifissi. Che (purtroppo) sono invece rimasti al loro posto, quello che occupano da quando il regime fascista li impose. Circostanza che alla ministra - sedicente democratica - evidentemente sfugge.
    Non deve quindi sorprendere che, nel criticare il preside, Valeria Fedeli, nomen omen, si sia ritrovata in compagnia del sottosegretario ciellino Daniele Toccafondi, della leader postfascista Giorgia Meloni e dei fascisti “senza se e senza ma” di Forza Nuova.
    Nel silenzio assordante dei sindacati di settore. Perché il problema fondamentale è che, nella classe dirigente italiana, manca la capacità di comprendere che, in una scuola pubblica, non ci si va per pregare, ma per imparare. Per quelli che vogliono pregare ci sono già la chiesa e l’oratorio.
    (...).
    Nulla è cambiato da Ratzinger a Bergoglio: la Chiesa continua come prima a chiedere e a ottenere. Ma che la Chiesa faccia il suo mestiere è comprensibile.
    Sono invece i ministri a non farlo. In fondo Fedeli ha tanti poco nobili predecessori. Da Stefania Giannini, prefatrice di un libro che proponeva di tagliare del 40% i fondi stanziati per la scuola pubblica, a Mariastella Gelmini, indimenticabile interprete di “Tu scendi dalle stelle” per protestare contro un preside “anti-Natale” (sic) .
    Da Giuseppe Fioroni, tornato agli onori della cronaca proprio questo weekend per non aver ottenuto la benedizione di una sede Pd, a Letizia Moratti, che al ministero si circondò di ciellini, inserì in ruolo gli insegnanti di religione, e cercò di eliminare l’evoluzionismo dai programmi scolastici.
    Prima ancora, i tanti ministri, rigorosamente democristiani, che per oltre tre decenni hanno occupato il ministero dell’istruzione pubblica. Oggi, ufficialmente, nemmeno più tale.
    Basta scorrere l’elenco dei ministri per capire, con un semplice colpo d’occhio, perché la scuola pubblica è messa tanto male. C’è quasi da sorprendersi che non sia ancora definitivamente crollata: se le scuole private cattoliche non ce la fanno, nonostante tutto il sostegno che ricevono, devono essere scuole veramente cattive, se non pessime. Forse è colpa delle nemesi di Pio IX, che pensava che l’istruzione obbligatoria fosse un flagello.
    Le buone scuole sono invece quelle dove ogni studente ha diritti identici al suo vicino di banco, dove le classi non si separano perché c’è l’ora di religione, dove alle pareti non ci sono simboli religiosi di parte.
    Buone scuole così non esistono, in Italia. E non esisteranno a lungo, con politici e ministri di questo tipo. Farsi da parte sarebbe il minimo. Ma la colpa è anche nostra: in fondo, basterebbe non votarli. Le elezioni si avvicinano. Ricordiamoglielo.
    Raffaele Carcano

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina