lunedì 22 gennaio 2018

DON FRANCO BARBERO E LA SUA CONFESSIONE DI UN ERETICO



BLOG

22.1.2018



“CONFESSIONE DI FEDE DI UN ERETICO”  (DON FRANCO BARBERO)



    La maggior parte dei cristiani, soprattutto se appartenenti alla confessione di fede cattolica, hanno delle nozioni teologiche così vaghe e imprecise che difficilmente possono essere scossi dalle novità in campo esegetico, biblico, storico. Tuttavia ce ne sono alcuni che, avvicinandosi all’età adulta, non si accontentano delle formulette catechistiche infantili e si chiedono cosa significhi davvero che esiste Dio, che Gesù era il figlio di Dio, che ha fondato una Chiesa indefettibile et cetera. Se lo studio personale, il dialogo con gli esponenti autorevoli, i confronti comunitari li convincono, aderiscono davvero alla Chiesa originaria; altrimenti, più o meno radicalmente, se ne vanno.

  In quelli che restano con convinzione, e per convinzione, è frequente che il fuoco della ricerca teologica e spirituale non si spenga; che continuino a cercare; che, agostinianamente, dopo aver capito per credere, credono per capire meglio. Don Franco Barbero è stato, ed è, uno di questi infaticabili cercatori: e quando le gerarchie ecclesiastiche gli hanno intimato di fermarsi nella ricerca teorica e pratica, ha preferito pagare tutti i prezzi necessari per mantenere la libertà di pensiero e di parola. Dopo decine di libri pubblicati, esce adesso la sua Confessione di fede di un eretico (Mille, Torino 2017, pp. 188, euro 18,00): una sorta di piccola summa delle numerose acquisizioni maturate nei lunghi anni di studio e di esperienza ministeriale con le persone di ogni orientamento ideale e sessuale.

   Senza perdersi in discussione su dogmi cristiani periferici (alcuni dei quali, come la verginità della Madonna o l’infallibilità del papa, non sono neppure comuni a tutte le chiese ma solo alla Chiesa cattolica romana) l’autore va dritto al centro della fede comune a tutte le confessioni cristiane: chi è stato davvero Gesù di Nazareth? Con il sostegno di decine di pubblicazioni di teologi cattolici, protestanti, anglicani (ormai tradotte in diverse lingue del pianeta) egli risponde: è stato un “figlio di Dio” nell’accezione semantica che la formula aveva nel I secolo della nostra era. Egli, molto probabilmente,  non si è mai definito tale; ma se lo avesse fatto – e comunque i primi discepoli lo hanno così definito – la denominazione si riferisce a qualcuno che Dio ha “investito di una specialissima funzione, di un particolare ‘potere’ liberante”, e che può adempiere tale missione solo se “vive una intimità e una prossimità straordinarie con Dio” (p. 47). E’ perciò filologicamente scorretto affermare, come hanno fatto le chiese cristiane dai concili del quarto e quinto secolo in poi (per altro non senza forti resistenze ‘interne’), che “figlio di Dio” significhi che Gesù è Dio, della stessa “natura” o “sostanza” del Padre, che vada adorato come l’Unigenito dell’Unico.

  Ma allora, in cosa crede un eretico come don Franco Barbero? Che, per i cristiani, “Gesù è la via che conduce a Dio e la strada e la causa di Gesù sono la strada e la causa di Dio. Nell’esistenza storica del profeta di Nazareth noi incontriamo davvero il testimone di Dio, colui che ci manifesta la sua volontà, le scelte e l’amore con cui Dio ama” (p. 19).

   Troppo poco? Per i signori dell’ortodossia, certamente. Ma per i ricercatori      s-pregiudicati, al contrario, è troppo. La benedetta e illuminata “eresia” di Barbero si è forse fermata prematuramente? Non ha ancora davanti agli occhi e, soprattutto, al cuore degli interrogativi ulteriori che si impongono come macigni? Ne segnalo due tra quelli che, da anni ormai, mi affaticano.

   Il primo: in che senso Gesù non è “una” via ma “la” via verso Dio? Barbero finemente precisa che ciò vale “per noi cristiani”. E cita un altro illustre eretico contemporaneo, il vescovo episcopaliano Spong: “Non affermerò mai più che il mio Cristo è l’unica strada per arrivare a Dio, perché ciò sarebbe un atto estremo di umana follia. Dirò, comunque, che questa è l’unica strada per me, poiché questa è la mia esperienza” (cfr. p. 52). Ma la questione, se non erro, è così solamente spostata: se Gesù è una delle tante, possibili, strade per entrare in comunione con Dio, per quale ragione mi dico cristiano e non islamico o induista? Di solito si risponde (ma non so se questa sia anche la risposta di Barbero o di Spong): perché sono nato in una tradizione cristiana. Una simile risposta non mi convincerebbe: non più in un’epoca di pluralismo etnico e religioso  ormai dilagante, almeno nella zona nord-occidentale del globo. Nell’attesa di una risposta più convincente sono arrivato alla conclusione di evitare ogni ambiguità: se essere cristiano significa  ritenere che Gesù sia “la” via verso Dio (o oggettivamente o soggettivamente), non sono più cristiano. (In questa posizione sarei, mi pare, in buona compagnia: a partire da Gesù stesso. Esperti come Paul Knitter mostrano come tale pretesa di esclusività o di netta superiorità rispetto ad altri percorsi non appartenesse al Gesù storico: è sorta con l’apostolo Paolo e si è ingigantita con l’autore del vangelo secondo Giovanni. Insomma è una pretesa che viene attribuita a Gesù dai fondatori del cristianesimo come si è andato strutturando  effettivamente: del cristianesimo, direbbe Ortensio da Spinetoli, come prima e fondamentale ‘eresia’ rispetto alla fede “di” Gesù e al suo messaggio originario). Sarei allora un post-cristiano o addirittura un a-cristiano o un anti-cristiano? Per nulla. Rispetto al cristianesimo storico mi considero piuttosto un oltre-cristiano (cfr., ad esempio, il mio In verità ci disse altro. Oltre i fondamentalismi cristiani, Falzea, Reggio Calabria 2007): sono serenamente convinto che Gesù di Nazareth sia “una” via significativa e coinvolgente, come in altre culture e per altri temperamenti possono esserlo Buddha o Mosé, Platone o Maometto. Questo non lo penso in chiave relativistica, bensì prospettivistica: ogni grande maestro dell’umanità ha evidenziato aspetti veri, ma parziali, dell’Assoluto. Ed è stato grande perché non si è limitato a insegnare a parole quello ‘scorcio’ del Divino che ha intravisto, ma lo ha incarnato esistenzialmente. Capisco che, dopo una vita di appartenenza al mondo cattolico, prima, e poi, più ampiamente, cristiano-ecumenico, sia sentimentalmente difficile ammettere di non appartenervi più: ma nella babele attuale delle lingue, il minimo che si possa fare è cercare di calibrare con cura le parole.

  Il secondo macigno su cui mi sono imbattuto nella ricerca di Dio  - macigno su cui il pastore d’anime don Franco Barbero si imbatte tragicamente e generosamente ogni giorno – è ancora più ingombrante: che Gesù sia “la” strada o “una” strada per accedere al Mistero di Dio come “Amore”, è legittimo ritenere che questo Volto di Dio sia reale? Non sto contestando il dato biblico che, nell’annuncio cristiano, il centro e il culmine consistano nella confessione di Dio come Agape, Dono incessante e gratuito di sé (anche se non mancano dei passaggi di segno diverso, talora opposto); mi chiedo, invece, se questo annuncio sia compatibile con il mare di sofferenze (non solo innocenti, ma anche inevitabili) che si verificano sul pianeta sotto i nostri occhi e che, secondo le scienze naturali, hanno segnato il cammino dell’evoluzione animale e umana. Desidero essere più preciso possibile: mentre, sia pur con difficoltà, riesco ad ammettere l’ipotesi che un Dio-Amore possa convivere con lo strazio provocato dagli umani per propria insipienza (anche se le prime forme umane forse non avevano neppure la possibilità di comportarsi in maniera meno crudele), mi riesce molto più difficile ammettere la compresenza di un Dio-Amore con il dolore sperimentato nel passato, nel presente e nel futuro da miliardi di viventi senzienti come effetto delle leggi naturali.   Mi si potrebbe obiettare: è vero che scienze e speculazioni filosofiche ci pongono davanti a un universo che attesta tanto la provvidenza quanto la sovrana indifferenza divina, ma chi accetta la testimonianza di Gesù – esegesi vivente del Dio invisibile – può trascendere il livello dei dubbi e attingere la verità ultima del Dio amorevole. Questo passaggio aveva una sua logica quando si riteneva di avere elementi per ammettere che in Gesù si fosse incarnato, puntualmente e integralmente, il Verbo; ma se Gesù è solo un essere umano e fallibile, come tutti noi, il suo messaggio teologico ha lo stesso valore ipotetico di qualsiasi altra asserzione su Dio. Il criterio di accettazione di tale messaggio va dunque cercato altrove, non può essere autoreferenziale: per esempio  se esso conferma le acquisizioni della ricerca scientifica e filosofica o, per lo meno,  se non confligge con esse. Insomma: a me pare che la questione cristologica rimandi alla questione        ‘teo-logica’ e che libri come Oltre le religioni, con tutte le possibili riserve che suscitano, hanno il coraggio di andare sino a  quel fondamento radicale. Il futuro della religione mi appassiona poco (e, nonostante il titolo dei saggi raccolti, non è a mio parere il cuore del volume); molto di più cercare di capire il futuro della fede in un Principio di vita e di amore in un orizzonte conoscitivo in cui sembrerebbe non esserci  frammento di luce e di bene che non comporti il risvolto del buio e del male.



Augusto Cavadi

www.augustocavadi.com



Augusto Cavadi – Alcune considerazioni su «Confessione di fede di un eretico » di Franco Barbero.





5 commenti:

  1. armando caccamo22 gennaio 2018 07:50

    Grazie, Augusto, grazie e ancora grazie!

    RispondiElimina
  2. Caro Augusto,
    indichi un orizzonte conoscitivo che ha il coraggio di indagare, visitare, vivere, quei territori che esistevano prima dell’ideazione di homo sapiens di un Padreterno e che si spinge fino a dimensioni cosmiche dove la differenza fra soggetto e oggetto e, per certi aspetti, anche quella tra male e bene, vacillano. Non so se e quanto sia possibile, in linea di principio, essere prete cattolico - che è già una risposta che preclude la spregiudicatezza dell’indagine, dove il grado di eresia o di ortodossia sono bazzecole da cortile rispetto al compito da affrontare - e onorare il tuo invito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fraterno amico, tecnicamente don Franco è stato "ridotto" (o, come preferisco esprimermi in linguaggio non canonico, "promosso") allo "stato laicale". E' vero, però, che egli continua a dirsi prete e a ritenere che un prete cattolico possa intendere la divinità di Cristo come l'ho brevemente tratteggiata; che possa essere sposato come lo è lui etc etc. Comunque spero che mi offra, ci offra, altri elementi utili di riflessione. Intanto desideravo ampliare un po' la telegrafica risposta alla sua telegrafica affermazione rivoltami a dicembre dopo la mia relazione al convegno nazionale di Rimini: "Ah, ecco, bravo! Finalmente hai fatto outing e ti sei deciso a non dirti cristiano. Mi pare un atto di chiarezza!".

      Elimina
  3. Troppo stimolante la riflessione di Augusto per non tentare pure io una profana riflessione. Barbero non è abbastanza eretico per Augusto anche perchè non ha avuto il coraggio di chiedersi ed indagare se il volto di Dio come “amore” che Gesù ci ha indicato è davvero reale.
    La ricerca di Augusto, effettivamente, è più coraggiosa e non si ferma di fronte ad un interrogativo: come può essere compatibile un Dio-Amore con il dolore ingiusto e straziante provocato dalla sua stessa creazione e dalle leggi naturali?
    E in effetti mi sono sempre chiesto come mai questi interrogativi siano così poco frequenti in persone pur interessate ai problemi religiosi e come mai per i credenti il massimo della virtù sia amare incondizionatamente Dio, “a prescindere”. Ma un simile atteggiamento di ossequio e sudditanza psicologica, come può essere scambiato per amore? In realtà un Dio padre-padrone che si offende e ti fulmina se non obbedisci ed osi criticarlo avrebbe bisogno, più che di obbedienza, di un sussidio psicologico appropriato e, forse sarebbe meglio che ci aprissimo alla possibilità di uno scenario spirituale ben diverso e composito, retrostante al mondo sensibile...

    RispondiElimina
  4. Mauro Matteucci - Pistoia1 febbraio 2018 10:16

    Ciao Augusto,

    vorrei condividere con te e con altri un episodio, che mi è accaduto in Ruanda, quando con mia moglie ho incontrato i superstiti del genocidio del 1994. Uno degli episodi che mi ha più colpito, è stato l'incontro con un uomo ridotto sulla sedia a rotelle da un genocida. Questo, dopo avergli confessato che insieme ad altri aveva ucciso il cognato, gli ha detto che era pentito e che voleva portarlo sulla fossa comune dove l'aveva gettato. Invece ha spinto proprio lui da un ponte provocandogli gravissime lesioni. Quando il criminale è stato catturato e portato dall'uomo ormai ridotto a un tetraplegico, questo ha detto di non ucciderlo: la sua morte non gli avrebbe restituito la salute ed era più importante che lui si rendesse conto del Male che aveva fatto e che finalmente scoprisse il Bene. Quest'uomo, nella sua semplicità, aveva capito il significato del Bene e del Male!

    Mauro

    RispondiElimina