sabato 31 dicembre 2011

Il giudice Livatino: ’santo’ perché?


“Centonove” 16.12.2011

BEATIFICAZIONE ANTIMAFIA
Il 21 settembre del 1990 alcuni mafiosi falcidiarono Rosario Angelo Livatino, il “giudice ragazzino” (secondo la definizione spregiativa di Cossiga, il peggior presidente della Repubblica italiana) i cui genitori avrebbero inspirato qualche anno dopo, del tutto involontariamente, il grido di Giovanni Paolo II nella Valle dei Templi. Giunge adesso notizia che, in questi giorni, è stato avviato ufficialmente, presso il Tribunale diocesano di Agrigento, l’iter che potrebbe portare - eventualmente – alla sua canonizzazione, da parte della Chiesa cattolica: una notizia che suggerisce varie considerazioni, talora di segno opposto, sintetizzabili in due questioni principali.
La prima è di ordine generale: ha ancora senso beatificare un credente? Da una parte, infatti, è un modo di indicare al popolo di Dio -e, più ampiamente, alla società – una testimonianza esemplare di discepolato evangelico; dall’altra, però, si corre il rischio di strappare quella testimonianza all’ambito della quotidianità, di rinchiuderla (persino materialmente) in una nicchia, facendone più un oggetto di venerazione (se non addirittura un feticcio cui richiedere favori) che un modello da seguire creativamente. Ma questa è una problematica troppo ampia e radicale per poterla dirimere in poche righe.
Più pertinente al caso concreto risulta, invece, una seconda questione. Se si accetta la logica cattolica della canonizzazione, non può fare che piacere se un siciliano venga segnalato all’attenzione di una opinione pubblica planetaria per ragioni positive, a (parziale) compenso della nomea regalataci da siciliani meno nobili ma non meno noti. Sempre nella logica cattolica, poi, diventa centrale un interrogativo: per quali ragioni il magistrato siciliano sarà - o sarebbe – dichiarato ‘santo’ ? Detto altrimenti: per quali virtù eroiche, per quali aspetti della sua personalità e delle sue scelte di vita, sarà - o sarebbe – elevato a esempio per la comunità dei credenti?
Sono, infatti, percorribili due strade, solo apparentemente simili se non addirittura interscambiabili. La prima - personalmente ritengo sia la più auspicabile – indicherebbe nella resistenza alle minacce mafiose il cuore della sua santità evangelica: egli verrebbe riconosciuto – per riprendere una felice espressione di Giovanni Paolo II nella Valle dei templi – “martire della giustizia e, indirettamente, martire della fede”. Si riattualizzerebbe il pensiero di San Tommaso d’Aquino e di tanti teologi della liberazione, a giudizio del quali dare la vita per difendere alcuni principi etici (la libertà, la verità, la fedeltà ai compiti civili) equivale a dare la vita per Dio, che di quei principi è fonte e garante.
Diverso sarebbe il percorso che arrivasse a dichiarare la santità di Livatino non anche, ma solo, per la sua fede teologale, per la sua vita intima di preghiera, per la sua affabilità umana, per la sua devozione ai genitori…lasciando in ombra le circostanze della sua morte. Certo: morire di mafia non può significare, eo ipso, essere considerato un cristiano esemplare (se non altro per rispetto a quelle vittime di mafia che, in vita, hanno consapevolmente scelto di non dirsi cristiani). Ma se, come nel caso di Livatino, la scelta di una certa professione - e soprattutto la scelta di fare in una certa maniera la professione intrapresa – fossero dettate non solo da validi e nobili motivazioni laiche, bensì anche da una coscienza credente, perché non presentarlo come un esempio di martirio cristiano? Perché non cogliere al volo questa occasione per proclamare che, nella Chiesa cattolica, tra i “valori non negoziabili” (anzi, a maggior ragione di altri più frequentemente richiamati) rientra a pieno titolo la lotta contro la corruzione sistemica, la intimidazione violenta, la mentalità del compromesso? Gli antecedenti di don Giuseppe Diana (ucciso dalla Camorra) e di don Pino Puglisi (ucciso da Cosa nostra) non lasciano ben sperare: del primo non si è neppure avviato il processo di canonizzazione (quasi ad avvalorare le interpretazioni denigratorie del suo assassinio diffuse immediatamente dai camorristi e dai loro pennivendoli); del secondo il processo di canonizzazione, benché arrivato a Roma, si è arenato nelle stanze dei Sacri Palazzi. Evidentemente c’è almeno una delle convinzioni ribadite in vita da Rosario Livatino che stenta a far breccia al di là del Tevere: “Alla fine, Dio non ci chiederà se siamo stati credenti, ma se siamo stati credibili”.

Augusto Cavadi

Nessun commento:

Posta un commento