venerdì 28 febbraio 2020

ADDIO A SERGIO DI VITA,MILITE IGNOTO DEL CIVISMO

“Repubblica- Palermo”
28.2.2020

ADDIO A SERGIO DI VITA MILITE IGNOTO DEL CIVISMO

Quando si sfogliano i quotidiani si resta impressionati dalla marea di cattiverie, di crudeltà, di ingiustizie, di imbrogli, di tradimenti, di falsità, di corruzione, di stupidità, di violenza, di volgarità che ci assedia da ogni lato. Non so a voi, ma a me ogni tanto ritorna una domanda: com’è che ancora reggiamo? Com’è che Palermo, la Sicilia, l’Italia…non sono state ancora sommerse da questo fango tracimante, dilagante, asfissiante? A forza di parassiti che ne succhiano la linfa, l’albero non dovrebbe essere ormai essiccato e abbattuto?
Poi un giorno, così, all’improvviso, ti muore un amico. Per esempio Sergio Di Vita. E allora hai come un’intuizione: come racconta il mito di Colapesce, qualcuno – sommerso sotto la superficie delle onde schiumose – regge una delle colonne su cui galleggia l’isola. In silenzio, quasi nell’anonimato, del tutto ignorato dai riflettori dei media, questo qualcuno c’è. Al risveglio, la mattina, dedica qualche ora alla lettura di Gandhi o di Martin Luther King. Oppure all’ascolto di Bach o di Mozart. Ma non è un orso solitario. Un giorno accoglie un’amica che cerca ascolto attento, paziente. Un altro giorno un amico che soffre di dolori reumatici e vuole provare un po’ di shiatsu praticato con competenza. Una volta a settimana guida un gruppo di amici che vogliono approfondire insieme a lui l’antroposofia di Rudolf Steiner
E, quando necessario, esce anche da casa. Perché – siamo negli anni Ottanta – ogni giovedì sera ci si riunisce al Palazzo del Comune come Co.c.i.pa (Coordinamento cittadino informazione e partecipazione) per studiare i bilanci preventivi e discuterli con gli assessori dei vari settori. Perché – siamo negli anni Novanta – c’è da affiancare i diseredati concittadini del movimento dei “senza-casa” che chiedono l’assegnazione degli appartamenti sequestrati ai mafiosi.   Perché – siamo all’alba del Terzo millennio – c’è da sostenere il gruppo delle donne di  Benin City, desiderose di riscatto sociale e di inserimento lavorativo nella nuova patria. Già: gli africani. Prima gli italiani o prima gli stranieri? Prima chi soffre di più. Come far udire, da Palermo a Bruxelles, la voce di chi non ha voce? Sergio fonda e gestisce, gratuitamente e quasi da solo,  “Congosol”, un’agenzia d’informazione di prima mano sul Congo.
      Tanto impegno sociale non era frutto tanto di emotività, di coinvolgimento sentimentale, ma si basava ancor più su una formazione solida e continua: amava documentarsi incessantemente, leggendo e facendo conoscere - con i suoi seminari, i suoi laboratori e i suoi scritti - autori di ogni parte del mondo. Accademico di nessuna accademia, riteneva che nessuna tematica gli dovesse restare del tutto estranea. Ha attivato e diretto, sino alle ultime ore di vita, presso la “Casa dell’equità e della bellezza”, il “Gruppo di formazione al Teatro degli oppressi (secondo l’insegnamento di Augusto Boal) e alla nonviolenza attiva”, a cui hanno preso parte – in tempi e modi differenti – centinaia di persone. Soprattutto negli ultimi anni evitava di lasciarsi coinvolgere in altre organizzazioni e in altri progetti: “Preferisco fare poche cose, ma con la maggiore serietà di cui sono capace”.  
      Con lui se ne va uno dei tanti “militi ignoti” della militanza civica di cui non parleranno i libri di storia, a cui forse verrà intestata una stradina di periferia, ma senza i quali sarebbe inspiegabile come mai una città regga al logorio continuo dei furbi, degli approfittatori, degli egoisti perbene. Se ne va uno dei cittadini che, per rievocare la celebre frase di Kennedy, non si chiedono soltanto cosa la società possa fare per loro, ma anche cosa essi possano fare per la società. 

Augusto Cavadi
www.augustocavadi.com

6 commenti:

Simonetta Attinelli ha detto...

Grazie Augusto! Hai saputo, con la chiarezza che ti contraddistingue,tracciare, un profilo del nostro caro Sergio.

Unknown ha detto...

Grazie di questo ricordo. Ho frequentato poco Sergio, uomo schivo e profondo, ma quel poco che ho intravisto era tinto di calore e luce. Spero che il suo impulso per questa povera Sicilia sia raccolto e portato avanti. Grazie Rosaria

Unknown ha detto...

Sono dispiaciutissima per la perdita di Sergio, che ho incontrato per la prima volta a Verona in occasione di un Seminario di Pedagogia Curativa ed Antroposofia. Sto parlando di agosto 2006.Quando l'ho rivisto un paio di anni fa circa, lui si ricordava perfettamente di me, del contenuto del Corso e ci siamo messi a discorrere amabilmente un po' di tutto. Come se non fosse intercorso nessun tempo. È vero, era una persona molto attiva e presente. Autentica. Che si è molto spesa in molti campi. Buon viaggio caro Sergio.🙏❤️🙏 Con affetto, Donatella.

Unknown ha detto...

L'ho cosciuto,l'ho apprezzato e lo potrei definire sincero e appassionato,altri possono essere suoi appassionati collaboratori, ,speriamo nelle nuove generazioni,non l"ho dimentico Sergio,anzi lo ricorderò e cercherò di imparare ancora una volta dal suo entusiasmo,un abbraccio e sempre connessi...

don Cosimo Scordato ha detto...

Bravo Augusto!

Cosimo

Maria D'Asaro ha detto...

Parole belle, autentiche e appassionate, le tue dedicate a Sergio. Assieme a quelle di Adriana le ho riportate nel mio blog. Grazie.