sabato 7 settembre 2013

La bella Eva Riccobono dice falsità? Campanilismi da strapazzo


“Repubblica – Palermo”
6.9.2013

SE LA TOP MODEL SVELA LA VERITA’


Non sapevo che la top model Eva Riccobono – madrina del Festival di Venezia - fosse palermitana. L’ho appreso (rammaricandomi di non averla mai incontrata nei suoi diciannove anni di vita isolana) dai giornali che hanno riportato una sua dichiarazione a “Vanity fair”: “Vado una volta al mese a Palermo per ricaricarmi, ma alcune cose dei palermitani non mi piacciono come la mentalità mafiosa. Detesto quelli che si lamentano sempre e che vogliono la raccomandazione e soprattutto il familismo e i soprusi”.
   Sapevo, invece, che una dichiarazione così sincera e veritiera  - eco della più celebre e autorevole dichiarazione di Paolo Borsellino su Palermo “città bellissima e disgraziata” – avrebbe suscitato immediate reazioni da parte di politici di specchiate virtù civiche, che nella loro carriera non hanno mai né chiesto né fatto raccomandazioni di nessun genere. La strategia comunicativa per avere il nome in cronaca è ormai straconosciuta.
    Primo passo: amplificare l’estensione della dichiarazione e fare dire alla Riccobono che “tutti” i palermitani hanno mentalità mafiosa.  In modo da tentare di portare dalla propria parte oves et boves:  cittadini mafiosi  (per “fatto personale”), cittadini antimafiosi (per “lesa maestà”) e cittadini amafiosi (che non vogliono passare per nessuna delle due categorie, per altro minoritarie, precedenti). Che grazie all’azione dei magistrati (non di rado senza il sostegno dei politici) e dei segmenti migliori della società (come “Addiopizzo” e “Professionistiliberi”) si siano fatti enormi passi in avanti nella lotta al dominio mafioso non significa che questo sia scomparso dalle stanze dell’amministrazione regionale;  dai quartieri ricchi e meno ricchi in cui gli imprenditori continuano a sottostare ai soprusi del racket; dalle strade dove un’accurata regia distribuisce, con ammirevole precisione toponomastica, le zone ai posteggiatori abusivi (che non hanno neppure il lontano sospetto del ridicolo quando organizzano la manifestazione di protesta contro le forze dell’ordine che accennano a liberare gli automobilisti dall’intimidazione incessante e onnipresente)…
    Secondo passo: negare l’evidenza. Per esempio che la stragrande maggioranza dei palermitani sia specializzata nelle “lamentele” (contro il governo, contro il sindaco, contro i vigili urbani, contro gli autisti dell’Amat, contro i posteggiatori abusivi, contro gli altri concittadini che non si lamentano abbastanza…), ma non voglia spendere neppure un’ora la settimana per organizzare la protesta, farla diventare proposta politica, supportarla con adeguate azioni mirate nell’ambito della legalità democratica.
    Terzo passo: inventarsi qualche “rivoluzione in atto” che ridurrebbe a mero “luogo comune”, valido se mai per il passato, la constatazione che nella nostra città si è alla  “costante ricerca della raccomandazione'”. E’ dalla “Primavera di Palermo” di un quarto di secolo fa che i giovani si sarebbero ribellati alla mafia, avrebbero ripudiato il clientelismo, sarebbero strenui difensori della meritocrazia. Ma sfugge un piccolo particolare: i giovani di venticinque anni fa sono gli adulti di oggi e  - fatte le debite eccezioni – continuano a gestire le leve del potere (politico, amministrativo, culturale…) con le stesse insopportabili modalità dei padri e dei nonni. Sostenere, come si è fatto in queste ore da scranni istituzionali di tutto rilievo, che le raccomandazioni sono dappertutto in Italia, significa non voler vedere la differenza fra la patologia, che a Torino o a Perugia viene bollata come tale, e la stessa patologia che a Palermo o a Reggio Calabria viene scambiata per fisiologia. Come ha scritto il sociologo Antonio La Spina qualche anno fa, da Napoli in giù siamo ben al di qua dell’alternativa legalità o illegalità: sguazziamo nell’alegalità. Non prendiamo neppure in considerazione le norme che, disinvoltamente e abitudinariamente, violiamo.
   Comunque è superfluo addizionare argomenti razionali ad argomenti: alla pancia  - e alla demagogia – non si comanda. Ogni volta che esce un film, un libro, un’indagine giornalistica sulla mafia si ripete noiosamente il medesimo copione: la colpa è di chi osa denunziare i mali, non di chi li provoca e più o meno colpevolmente li perpetua.

    Augusto Cavadi


5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ho avuto la stessa reazione io (come ho anche commentato su facebook) e neanch'io sapevo che Eva Riccobono fosse nostra concittadina.
    Il paradosso più grande è che noi siciliani (non "tutti", non vorrei suscitare la reazione di qualche sottosegretario) siamo veri professionisti nell'arte della "lamentela", combinando argute analisi a sterile qualunquismo generalizzato (non riuscendo così poi a generare una sintesi propositiva, come denunci bene tu) e però, quando qualcun altro, forestiero o isolano non importa, magari dalle colonne di qualche giornale, fa la stessa cosa pur senza generalizzare, allora emerge il campanilismo più sfegatato, proprio negli stessi che avevano fatto della critica generalizzata il proprio raffinato metodo di analisi. Guai a parlare male della nostra terra madre, sapere che si prostituisce per le vie del malcostume clientelare non ci importa purché non diventi di pubblico dominio. Come sempre il male è il termometro e non la febbre!

    RispondiElimina
  3. Condivido al 100%. E rilancio nel mio blog.

    RispondiElimina