lunedì 5 marzo 2018

E ADESSO ? PRIMO BILANCIO DELLE ELEZIONI NAZIONALI 4 MARZO 2018



4.4.2018

E ADESSO? QUALCHE CONSIDERAZIONE A CALDO DOPO
I RISULTATI ELETTORALI

    A urne appena aperte commentare è una tentazione tanto sciocca quanto irresistibile. Fedele al motto di Oscar Wilde, mi libero dalla tentazione cedendovi.
    Prima considerazione: apparteniamo a un’epoca della storia italiana fortunata. Come in pochissimi altri Paesi al mondo le elezioni possono svolgersi senza schieramenti di eserciti, osservatori stranieri, attentati ai seggi e agli elettori. Qualche sgradevole disguido organizzativo fa parte, per così dire, del colore “italiano”, ma nel complesso la giornata elettorale si è svolta in un clima tale di serenità civica di cui dobbiamo andare fieri (anche se forse non ne siamo del tutto meritevoli).
   Seconda considerazione: il Meridione e le isole maggiori (Sicilia e Sardegna) hanno decretato se non la fine, certamente un’interruzione significativa, del voto di scambio clientelare-mafioso. In Sicilia, in particolare, neppure un governo di centro-destra ancora in luna di miele con l’elettorato (ma già in saldo possesso di leve del sottobosco amministrativo) è riuscito a fermare l’onda del Movimento 5 stelle: un movimento di cui si può dire tutto il male possibile, ma non certamente che sia – almeno sino a oggi – un’agenzia di favori e prebende. I miracolati dell’era Cuffaro-Lombardo, risuscitati negli ultimi mesi e riciclatisi soprattutto nel centro-destra di Musumeci e Armao ma anche nel centro-sinistra di Faraone e Orlando, non hanno compiuto – a loro volta – nessun miracolo: se hanno portato voti clientelari, sono stati comunque insufficienti.
    A livello nazionale – e questa è una terza considerazione – è crollata miseramente la strategia dell’arroganza: tre dei quattro signori del “faccio-tutto-io-a-voi-basta-ammirare-quanto-sono-bravo-nel-sedurre-il-popolo-bue” (Berlusconi, Renzi e D’Alema) hanno avuto una batosta che, se non fossero appunto super-arroganti, equivarrebbe a un pensionamento definitivo dalla politica. E’ rimasto in piedi solo il quarto spadaccino: ma, se Salvini vorrà davvero diventare il leader del centro-destra, dopo aver smussato gli estremismi provinciali del padre Bossi, dovrà imparare a relazionarsi con i partner in maniera molto più elastica e amichevole. Personalmente sono sicuro che il passo indietro di un altro ego-centrato come Grillo ha fatto tanto bene al suo Movimento quanto male ha fatto Renzi al suo partito non dichiarando subito (ammesso che la gente avesse creduto a uno spergiuro sperimentato) che avrebbe continuato a governare Gentiloni.
   La quarta considerazione è legata strettamente alla quinta e ultima del mio ragionamento a caldo. Molti hanno votato 5 stelle perché convinti dalla presenza di persone per bene attive, da anni e senza nessuna aspirazione carrieristica, nella società civile (nella mia città, ad esempio, Steni Di Piazza, Aldo Penna, Giorgio Trizzino): più che una scommessa sul futuro, un riconoscimento del loro passato. Ed è proprio per la loro biografia che una buona percentuale di elettori (delusi dalle sinistre più o meno rosee) si aspetta che diano all’interno del loro Movimento un contributo significativo per allontanarlo da certe derive xenofobe e razziste di cui non sono mancati i segnali (primo fra tutti il rifiuto di votare a favore dello jus soli per non contrastare l’umore popolare emerso dai sondaggi). Un  Movimento 5 stelle purificato da tentazioni anti-europeiste e neo-nazionaliste potrebbe allearsi in Parlamento con l’area degli scontenti di Renzi  ostili a qualsiasi ipotesi di inciucio con Berlusconi, a cominciare dal malconcio Leu (che comunque, sia pur di poco, ha superato la soglia del 3%).

Augusto Cavadi


2 commenti:

  1. Mauro Matteucci6 marzo 2018 10:29

    Ciao Augusto,

    condivido la tua analisi e vorrei aggiungere che qualsiasi ricostruzione della sinistra deve passare dalla difesa degli interessi dei più deboli, dai giovani precari e disoccupati, agli operai umiliati da accordi infami, ai pensionati che non ce la fanno più né a vivere né a curarsi, agli immigrati respinti da una società indifferente, ai movimenti che hanno continuato a lavorare nel sociale.

    Mauro

    RispondiElimina
  2. Orlando Franceschelli9 marzo 2018 20:53

    Ho apprezzato il tuo commento postelettorale: analoghe ‘previsioni’ mi avevano indotto a votare LeU, nonostante la loro incapacità
    di valorizzare un’esperienza unitaria come quella di Pisapia. Ma ora che non mi sembra che ci sia altro da distruggere, spero che
    si cominci a ricostruire senza narcisismi biografici.

    RispondiElimina